PARTE LA NONA EDIZIONE DEL PREMIO SVILUPPO SOSTENIBILE

PROROGA DELLE ADESIONE ENTRO IL 17 LUGLIO 2017
A maggio prende il via la nona edizione del Premio per lo sviluppo sostenibile promosso dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile e da Ecomondo e Italian Exhibition Group.
Il premio e’ ormai diventato un tradizionale ed importante appuntamento per le imprese della green economy per promuovere le migliori tecnologie, le buone pratiche diffuse sul territorio e significativi progetti realizzati.

Anche per il 2017 è stata richiesta l’adesione del Presidente della Repubblica, che, nei precedenti nove anni ha assegnato al Premio una Targa di riconoscimento.

La selezione e la premiazione delle imprese viene effettuata per i prodotti, gli impianti e/o i servizi che producano rilevanti benefici ambientali, positivi effetti economici e occupazionali e che abbiano un contenuto innovativo ed un potenziale di diffusione e replicabilità.

Quest’anno i settori del Premio saranno:
Economia circolare
Tutela e gestione delle acque
Mobilità sostenibile

Come consueto la premiazione si terrà a Novembre ad Ecomondo (Rimini)dove verranno premiate la imprese vincitrici e quelle segnalate.

L’iniziativa, non ha scopo di lucro e la partecipazione delle imprese e’ libera e gratuita. I vincitori ed i segnalati potranno utilizzare il logo del Premio anche nelle proprie attività di comunicazione.

LA GIURIA

Dal 2008 è Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, dal 2009 al 2013 è stato docente di progettazione ambientale all’Università di Roma e dal 2001 al 2006 è stato docente di Legislazione dell'ambiente all'Università di Bologna. Ministro dell'Ambiente durante la XIII legislatura (1996-2000). Ha ricoperto il ruolo di sub commissario per il risanamento ambientale dell’ ILVA dal Giugno 2013 al Giugno 2014. Autore di numerosi articoli e pubblicazioni fra le quali: Uno sviluppo capace di futuro (2000); La riforma dei rifiuti. I nodi critici (coautore di, 2001); La tutela delle acque (coautore di, 2002); Un futuro sostenibile per l'Italia (a cura di, 2002); Ecologia come seconda modernità (2003); Il territorio italiano e il suo governo (a cura di, 2005); Vento a favore (coautore di, 2011); Per uscire dalle due crisi (a cura di, 2012); Un Green New Deal per l’Italia (a cura di, 2013).
Giornalista, ha collaborato e collabora a diversi quotidiani e riviste (tra cui Nuova ecologia, Corriere della sera, Quale Energia, Micron). Svolge attività di consulenza in materia di ricerca e comunicazione ambientale. Su Rai 3 ha condotto la trasmissione televisiva Greenpeace. Con Karl Ludwig Schibel è coautrice del libro “Le città contro l’effetto serra. Cento buoni esempi da imitare”, Edizioni Ambiente, (2005). Nel 2007 ha realizzato il ciclo “La città in cammino” sulle buone pratiche di mobilità urbana sostenibile italiane ed europee. Ha pubblicato il libro sulla mobilità ciclabile urbana “Rivoluzione bici” ( 2009 Edizioni Ambiente), ha curato il libro-intervista “Vento a favore” di Edo Ronchi e Pietro Colucci (Edizioni Ambiente, 2011). Nel 2012 ha pubblicato “L’Italia della green economy”. Nel 2014 cura il Libro “un’altra Europa”.
Nato a Roma il 19.09.1941, è stato professore ordinario in Ingegneria Sanitaria-Ambientale presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. E’ stato Direttore del Dipartimento di Idraulica, Trasporti e Strade dal 2003 al 2009. Ha insegnato materie attinenti al ciclo delle acque e alla gestione dei rifiuti nella Facoltà di Ingegneria dell’Università di Roma “La Sapienza. E’ autore di oltre 150 lavori a stampa, comparsi su riviste nazionali ed internazionali e sugli atti dei maggiori convegni dedicati a temi ambientali. Collabora fin dalla sua attivazione con il Ministero per l’Ambiente, ricoprendo tra l’altro nel tempo le cariche di presidente del Comitato Stato-Regioni per il risanamento della Val Bormida, presidente della Commissione per il risanamento della laguna di Venezia, coordinatore del Gruppo Tecnico ex-legge 135/97 per il miglioramento della progettazione nei settori delle acque e dei rifiuti, coordinatore della Segreteria Tecnica Acque, vice presidente della Commissione di alta consulenza per la ricerca ambientale. Su nomina del Governo, è attualmente Commissario unico per il coordinamento e la realizzazione degli interventi di completamento del sistema fognario-depurativo nazionale già oggetto di condanna per infrazione comunitaria.
Laurea in sociologia dell’organizzazione all’università di Urbino, due master in formazione del personale e direzione delle risorse umane a Milano presso l’ismo (Istituto Multidisciplinare sulle Organizzazioni Complesse). Corsi di team building, empowerment e leadership ai quadri dirigenziali di grandi gruppi industriali come Telecom, Banca d’Italia, Metro ecc. Dal 1997 lavora a Rimini Fiera (oggi Ieg) come Group brand manager. Sin dalla fondazione è la project manager di Ecomondo, appuntamento leader in Europa nella Circular & Green Economy e key Energy sulle energie rinnovabili, mobilità e smart cities che ospita oltre 1.300 imprese e 100 associazioni italiane ed estere.
Architetto, si occupa come progettista e come ricercatore di mobilità sostenibile. Tra le opere realizzate, la più significativa è il Minimetrò le risalite al Centro Storico della stazione di Pincetto a Perugia. Ha collaborato alla redazione di numerosi piani della mobilità (PGTL, PUM e PUMS) occupandosi della scelta e della valutazione delle infrastrutture necessarie per la diversione modale dall’automobile verso modalità di trasporto più sostenibili in contesti urbani e naturalistici delicati dal punto di vista orografico, paesaggistico e ambientale. In particolare ha partecipato alla redazione dei piani della mobilità di Sciacca, Modica, Ragusa, Narni e Terni, curato l’aspetto dello studio di fattibilità delle infrastrutture per la mobilità alternativa (scale mobili ed ascensori in ambito urbano, funicolari, parcheggi di scambio, zone a priorità pedonale, percorsi pedonali e ciclabili). Ad oggi, svolge l’attività di coordinatore dell’area mobilità sostenibile della Fondazione per lo sviluppo sostenibile occupandosi in particolare di energia ed emissioni nel trasporto ferroviario, di Sharing mobility e dell’elaborazione di politiche per lo sviluppo e la diffusione dei veicoli a basse emissioni complessive.