L'UNDICESIMA EDIZIONE DEL PREMIO SVILUPPO SOSTENIBILE

Il Premio per lo sviluppo sostenibile, dedicato alle eccellenze italiane nel campo della green economy, è una iniziativa della Fondazione per lo sviluppo sostenibile e di Ecomondo e ha ricevuto sin dal primo anno l’Adesione del Presidente della Repubblica. Non ha la finalità lucrative, è aperto a una libera e gratuita partecipazione e punta a far emergere e promuovere i migliori progetti e iniziative italiane nel settore. Per l'11° edizione il Premio si estende, oltre alle imprese, anche alle città.

IL PREMIO è SUDDIVISO IN 3 SEZIONI:

il Premio estende la platea dei potenziali partecipanti alle Città, attraverso le loro Amministrazioni locali, che abbiano almeno realizzato o avviato la realizzazione di un intervento di elevata qualità ambientale, di utilizzo le risorse in modo efficiente e circolare o di contrasto al cambiamento climatico.
Sezione rivolta alle imprese e organizzata in collaborazione con il Circular Economy Network. Al Premio possono partecipare imprese che abbiano realizzato o avviato progetti innovativi negli ambiti di: simbiosi industriale; prolungamento dell’uso e la riparabilità dei prodotti; uso condiviso di beni e servizi; riduzione del consumo di materie prime; utilizzo di materie prime seconde; riduzione della produzione di scarti e di rifiuti; riciclo dei rifiuti; ecodesign; bioeconomia rigenerativa.
Sezione rivolta alle imprese che abbiano realizzato o avviato progetti innovativi negli ambiti di: produzione di elettricità, carburanti e calore da fonti rinnovabili; generazione distribuita; accumulo di energia da fonti rinnovabili; distribuzione e utilizzo locale di energia da fonti rinnovabili.
Le imprese e le Amministrazioni locali che ritengono di aver realizzato eccellenze ambientali possono proporre la loro candidatura allegando la documentazione richiesta (vedi il regolamento). Le adesioni verranno quindi esaminate da un’apposita Commissione di esperti sulla base di criteri stabiliti nel Regolamento del Premio: l’efficacia dei risultati ambientali conseguiti, il contenuto tecnologico innovativo, i risultati economici e occupazionali raggiunti e le possibilità di diffusione, in Italia e all’estero. Dal 2009 l’iniziativa ha avuto un ampio consenso e successo: numerosissime le imprese che ogni anno, nei diversi settori, hanno proposto la loro candidatura; 30 imprese ogni anno (10 per ogni settore scelto) vengono selezionate e segnalate e di queste, le prime 3 vengono premiate con una Targa del Premio. Ogni anno viene stampata la pubblicazione del premio, diffusa anche online, contenente i riferimenti delle imprese selezionate e premiate e le relative motivazioni. Anche per il 2019 è stata richiesta la Medaglia del Presidente della Repubblica, che, per tutte le edizioni, ha assegnato al Premio una Targa di riconoscimento. La cerimonia di premiazione si svolgerà il 7 novembre 2019, a Ecomondo, Rimini Fiera.

LA GIURIA 2019

Edo Ronchi, dal 2008 è Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, dal 2009 al 2013 è stato docente di progettazione ambientale all’Università di Roma e dal 2001 al 2006 è stato docente di Legislazione dell'ambiente all'Università di Bologna. Ministro dell'Ambiente durante la XIII legislatura (1996-2000). Ha ricoperto il ruolo di sub commissario per il risanamento ambientale dell’ILVA dal giugno 2013 al giugno 2014. Autore di numerosi articoli e pubblicazioni fra le quali: Uno sviluppo capace di futuro (2000), La riforma dei rifiuti. I nodi critici (coautore di, 2001), La tutela delle acque (coautore di, 2002), Un futuro sostenibile per l'Italia (a cura di, 2002), Ecologia come seconda modernità (2003), Il territorio italiano e il suo governo (a cura di, 2005), Vento a favore (coautore di, 2011), Per uscire dalle due crisi (a cura di, 2012), Un Green New Deal per l’Italia (a cura di, 2013); La transizione alla Green Economy (2018).
Alessandra Astolfi, Laurea in sociologia dell’organizzazione all’università di Urbino, due master in formazione del personale e direzione delle risorse umane a Milano presso l’ismo (Istituto Multidisciplinare sulle Organizzazioni Complesse). Corsi di team building, empowerment e leadership ai quadri dirigenziali di grandi gruppi industriali come Telecom, Banca d’Italia, Metro ecc. Dal 1997 lavora a Rimini Fiera (oggi Ieg) come Group brand manager. Sin dalla fondazione è la project manager di Ecomondo, appuntamento leader in Europa nella Circular & Green Economy e key Energy sulle energie rinnovabili, mobilità e smart cities che ospita oltre 1.300 imprese e 100 associazioni italiane ed estere.
Andrea Barbabella, nato a Roma nel 1974 e laureato in Scienze ambientali, è responsabile dell’area Energia e il clima e di quella Strategie e il reporting della Fondazione per lo sviluppo sostenibile (www.fondazionesvilupposostenibile.org). Dal 2013 coordina il gruppo di lavoro “Energia e Clima” degli Stati Generali della Green Economy (www.statigenerali.org), iniziativa promossa da 64 organizzazioni d’impresa in collaborazione con i Ministeri dell’ambiente e dello sviluppo economico. Ha realizzato e coordinato numerosi studi e ricerche sui temi dell’energia e dellagreen economy, elaborato strumenti e modelli di contabilità delle emissioni e degli assorbimenti di carbonio, collabora con imprese e amministrazioni pubbliche alla realizzazione di piani di mitigazione/adattamento al cambiamento climatico. Nell’ambito della Corporate Social Responsability ha sviluppato una originale metodologia per il reporting e la pianificazione strategica, il Green Economy Report e le Green Strategy. Svolge attività convegnistiche e di formazione presso Università e Centri di ricerca ed è autore di numerose pubblicazioni.
Stefano Leoni, Coordinatore dell’area economia circolare della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Ha conseguito le lauree in Giurisprudenza e in Scienze Naturali. È stato docente di diritto ambientale per l’Università “Alma Mater Studiorum di Bologna, quella del “Piemonte Orientale – Amedeo Avogadro” e l’Università di Torino. Presidente del WWF Italia e membro del Council del WWF Internazionale fino al 2013. Commissario Straordinario di Governo per la bonifica dell’Acna di Cengio e della Valle Bormida dal 1999 al 2005. È stato membro della Commissione tecnico-scientifica del Ministero dell’ambiente, della Commissione VIA/VAS nazionale, di commissioni AIA provinciali, della Commissione tecnica del Commissario per l’emergenza rifiuti della Campania e della Commissione nazionale per la cessazione delle emergenze sui rifiuti. Fra l’altro, è stato membro di commissioni governative incaricate per il recepimento di normative europee in materia ambientale. Ha ricoperto, inoltre, il ruolo di amministratore delegato di società operanti nel settore ambientale e fa parte di comitati scientifici di centri di ricerca. È autore di numerose pubblicazioni, studi e ricerche nel settore.
Fabrizio Tucci, Professore Associato Abilitato Ordinario in Tecnologia dell’Architettura, strutturato dal marzo 2001 presso la Facoltà di Architettura, Dipartimento PDTA, dell’Università di Roma “La Sapienza”, ove è Coordinatore del Dottorato di Ricerca in "Pianificazione, Design, Tecnologia dell'Architettura". Coordinatore del Tavolo degli Stati Generali della Green Economy per l'Architettura e l'Urbanistica. Coordinatore del Gruppo di lavoro internazionale degli Esperti del "Green City Network" della Fondazione Sviluppo Sostenibile. Membro del Consiglio Direttivo della Società Italiana della Tecnologia dell'Architettura. Coordinatore del Cluster nazionale "NZEB - Nearly Zero Energy Building" della SITdA. Visiting Professor presso Università italiane e straniere, tra le quali la Technische Universität München e la Université de Grenoble. Esperto valutatore per il CIVR (Comitato Italiano per la Valutazione delle Ricerche) dal 2001. Coordinatore della Collana “Progetto/Tecnologia/Ambiente” per la Casa Editrice Alinea (1999-2014), e Direttore della Collana “Progettazione Tecnologica Ambientale” di Altralinea Edizioni, Firenze (dal 2014). Consulente scientifico, tramite convenzioni Conto Terzi, del Ministero dei Beni Culturali, dell’Italferr Gruppo Ferrovie dello Stato, dell’Enac Ente Nazionale Aviazione Civile, dell'Ente "Casa Spa" di Firenze. Membro del Comitato Scientifico di 10 tra collane editoriali e riviste scientifiche. È autore di circa 200 pubblicazioni scientifiche tra articoli su riviste e saggi su volumi, e di 11 libri monografici.